•    

    slidedx
     

  •  

    21 LE REGOLE DELLA CASA

    VIAGGIO NELLA FILIERA PRODUTTIVA E

    NEL SENSO DELL’AGIRE ECONOMICO

  • logo_20s    
    logo_20d  
     
  • 19 DEL SAPER BERE

    LA FORMAZIONE DEL GUSTO

    E IL SENSO DEL DEGUSTARE

  • 18 OLTRE IL CONFINE

    OGNI PASSO LASCIA UN'IMPRONTA

    A MEMORIA DEL LIMITE SUPERATO

  • METAMORFOSI BIODINAMICA
       

IN PRIMO PIANO


7 Dic 2016

editoriale 22

Gianluca Corona, Distanza I, 2012 Par le nom conoist en l’ome.Chrétien de Troyes Un simbolo, o un discorso di simboli, era l’antico abito, un colpo d’occhio e si sapeva quale destino portava l’uomo, voglio dire da quale destino era portato.Cristina Campo Questo numero tratta dell’aspetto più visibile e visivo del vino, il più necessario e il più superfluo. Necessario nella forma, perché imposto a norma di legge; superfluo nella sostanza, perché legato al contenitore più che al contenuto,

16 Ott 2016

I mangiatori di patate

Elogio dell'oikos. Mini saggio di sopravvivenza economica in musica (con ricetta per fare la pasta in casa). Ovvero perché ai tempi dell'austerity la scelta di vivere con poco non è austerità ma libertà.     Cammino, cammino, cammino, cammino, cammino, cammino… Arrivo a casa, trovo accesa la stufa, trovo acceso il camino. Brucia legna di olivo, sul fuoco passato di zucca, carbonara con salsiccia e panna, focaccia con cipolla, da bere c'è il tè Bancha. La serata si preannuncia lunga

La realtà acquista un linguaggio nuovo ogni qualvolta si verifica uno scatto morale, conoscitivo, e non quando si tenta di rinnovare la lingua in sé, come se essa fosse in grado di far emergere conoscenze e annunciare esperienze che il soggetto non ha mai posseduto. Se ci si limita a manipolare la lingua per darle una patina di modernità, ben presto essa si vendica e mette a nudo le intenzioni dei suoi manipolatori. Una nuova lingua deve avere un modo nuovo di incedere, il che può accadere soltanto se un nuovo spirito la abita.


(Ingeborg Bachmann)

SHOP

 

l’abito fa il vino
1

le regole della casa
20

parola di oste
19

del saper bere
18

oltre il confine
17

metamorfosi biodinamica

tutti

La serie Stagioni completa
 
 
16

del saper aspettare
15

respirare la strada
14

tornare a colori
13

il tempo del riposo
12

il rumore della pioggia
11

neanche l’ombra
10

l’odore dell’aria
9

l’aria sottile
8

sotto le foglie
7

il caldo sulla pelle
6

il suono della terra
5

la stagione del silenzio
4

il frutto della terra
3

il senso del sale
2

il tempo della luce
1

sotto la neve

LA RIVISTA

pietre colorate è un periodico quadrimestrale indipendente di approfondimento sulla cultura del vino e della terra, sul fare dell’essere umano (e l’essere del fare umano), sul rapporto fra paesaggio, storia e memoria; un oggetto e progetto est/etico in cui sapere e sapore, cultura e coltura, ricerca del piacere, della bellezza e del bene – il senso e i sensi – ancora si corrispondono.

LE ORIGINI

Nasce nel 2009 con l’intento di raccontare il vino attraverso le parole e le storie dei vignaioli che lo producono e dei territori in cui nasce: territorio inteso non solo e non tanto da un punto di vista geografico, geologico ed enologico, ma soprattutto in quanto terreno sociale, culturale, economico e storico, che il vino porta in sé come una memoria.

Bere un vino significa attingere a quella memoria, ed è un’esperienza che non può ridursi a un punteggio su una scheda di degustazione. Saper bere è un’educazione, che a volte coincide con una diseducazione, un percorso di libertà e di ascolto dei propri sensi, una riappropriazione del gusto.

A partire dal numero 17 si inaugura un nuovo corso editoriale, che chiude la prima serie, scandita dalle stagioni, e avvia la seconda, in forma di monografie.

LA NUOVA SERIE

Le pagine si sviluppano intorno a un tema, che parte dal vino per arrivare alla vita, allargandosi ad altri campi disciplinari, diramandosi in sentieri di senso destinati a incontrarsi in un punto: noi cerchiamo quel punto, in cui gli argini cadono e un flusso magmatico scivola lentamente solidificandosi in forme nuove.

L’intento è quello di ricongiungere saperi e linguaggi tradizionalmente separati, dando vita a un dialogo fra viticoltori e bevitori, idee e pratiche, immagini e parole, presente e passato, che restituisca la ricchezza di un sapere antico, legato profondamente alla terra e a una cultura contadina che oggi si confronta con l’industria e la società dei consumi, ma che rimane centrale nella vita e nella storia dell’uomo, nel suo rapporto con la natura e con il tempo.

L’ESTETICA

Uno spazio importante è dedicato alla fotografia d’autore e alle arti visive, presenti non come mero corredo degli articoli ma in qualità di narratrici e portatrici di senso accanto e insieme alla scrittura.

Il formato tabloid e la carta (Fedrigoni Arcoprint certificata FSC) sono stati scelti accuratamente perché sfogliare il giornale possa diventare un’esperienza estetica anche a livello tattile, rendendo così la lettura parte di quel dialogo fra i sensi, di quell’educazione a sentire.

A questa sorta di polifonia su carta speriamo di dare un significato, uno «scatto morale» che le permetta di trasformarsi in un linguaggio nuovo, ben consapevoli che non c’è nuova lingua senza un nuovo modo di incedere. Non abbiamo la presunzione di riuscirci, ma intanto camminiamo.

Francesco Orini

Direttore responsabile
Fotografo, editore, degustatore per passione e nomade per vocazione. Quando non è in viaggio a bordo del suo camper lo si può trovare in cucina o nel suo giardino segreto fra antichi semi ed erbe aromatiche. Se fosse una canzone, sarebbe Io Sono Uno di Luigi Tenco.

Barbara Corazza

Coordinamento editoriale
Nata nel presagio di sradicamento che l’ha battezzata straniera, da grande non poteva che fare l’esploratrice: di parole, di sensi e di immaginari. Crede nel viaggio come forma di conoscenza, nella sete come condizione esistenziale e nella bellezza come nutrimento spirituale.

Giorgio Fogliani

Redazione editoriale

All’università ha oscillato tra il greco antico e quello moderno, finendo chissà come per approfondire il primo. Lasciata l’accademia, lavora come editor freelance, ma solo per le riviste che gli piace leggere. Ha vissuto in Veneto, a Tolosa e a Parigi, poi ha scelto Milano.

Nicola Finotto

Abbandona gli studi di Filosofia per cercare l’unica filosofia possibile nel fare dell’uomo e della terra. Lo fa attraverso i suoi amori: il vino, il caffè e il pugilato. Dopo essere stato importatore del vino più antico, quello georgiano, è ora torrefattore e distributore di specialty coffees con Maska coffee.

Giampaolo Gravina

Vive a Roma da trent’anni. Mentre insegnava Estetica ha stappato qualche bottiglia nel ristorante Uno e Bino e ne ha raccontata qualche altra a Puri Spiriti di Radio3 Rai. È vice-curatore della Guida I Vini d’Italia dell’Espresso dalla prima edizione e autore del libro Vini e Terre di Borgogna con Camillo Favaro.

Andrea Scaramuzza

Dopo la laurea in Scienze della comunicazione consegue il Master in Storia e cultura dell’alimentazione, con una tesi sulla definizione del concetto di terroir. Attualmente vive a Venezia, dove si occupa di sviluppo della comunicazione aziendale, di fotografia e di turismo tailor made.

Nicoletta Bocca

È cresciuta a Milano, con un padre grande appassionato di vini piemontesi. Non avrebbe mai osato sperarlo, ma con il tempo e grazie ai viaggi nelle Langhe, diventa un viticoltore a Dogliani. Rimane però curiosa di altri mondi, le piace ascoltare le persone e raccontarne le storie.

Diego Sorba

Barba e fegato irlandesi, natali e radici parmigiani (bisnonna locandiera, bisnonno salumiere), curriculum studiorum meneghino (Laurea in Lingue e Letterature Straniere). Oggi vive dentro un Tabarro, posto di ristoro con mescita e dispensa, da lui fondato a Parma nel 2005.

Per contattare la redazione:
redazione@pietrecolorate.com

Pietre colorate, via Favola 18, 33070 Polcenigo (PN)

Per proporre una collaborazione: curriculum@pietrecolorate.com
Per informazioni sull’abbonamento: info@pietrecolorate.com
Per contattare il direttore:
Francesco Orini francesco@pietrecolorate.com
+39 335 8252658
La vita morale ha inizio dal cambiamento di se stessi rispetto al mondo e alle azioni che ci sono destinate. Benché questo termine sia oggi generalmente odiato, io devo difenderlo, e ripetere che moralità è ogni giusto e quindi modesto rapporto con gli altri, e con la natura stessa della terra e di tutte le cose — le luci, le incognite, le distanze — che sono nel cielo.

(Anna Maria Ortese)
 

DOVE TROVARCI

La rivista è disponibile presso edicole selezionate e nei seguenti punti vendita in Italia e all’estero.

EMILIA ROMAGNA

Drogheria 53 Via Pietralata 45, Bologna (BO)
Vino Natural Durante Via Pigoni 51, Reggio Emilia (RE)
Il Tabarro Strada Farini 5/b, Parma (PR)
Enolibreria Chourmo Via Imbriani 56, Parma (PR)

FRIULI VENEZIA GIULIA

Antica Drogheria Vicolo delle acque 10/c, Pordenone (PN)
Cucina33
Via della Colonna 35/A, Pordenone (PN) Edicola Biscontin C.so V. Emanuele II 9/b, Pordenone (PN)
La Pasticceria Diana C.so G. Garibaldi 50, Pordenone (PN)
L’Emporio Naturale Viale Repubblica 23/b, Sacile (PN)
Libreria Al Segno Vicolo del Forno, 2 – Pordenone (PN)
Naturasì Via Galilei 17, Pordenone (PN)
Edicola Carnevaletti Marco Via Bartolini 14, Udine (UD)
Libreria La Tarantola Via Vittorio Veneto 20, Udine (UD)
Libreria Friuli Via dei Rizzani 1-3, Udine (UD)
Caffetteria Torinese Piazza Grande 9, Palmanova (UD)

LAZIO

Unoevino Via Gallia 44, Roma
Libreria Offline Via dei Marruccini 12A, Roma
La Salsamenteria Via dei Monti Parioli 31b/c, Roma
Edicola Cervoni Via Casilina Nord 20, Roccasecca (FR)

LIGURIA

Enoteca U Fundu Via Nazionale 120, Sestri Levante (GE)

LOMBARDIA

Mineralwine Via don Giacomo Vender 47, Brescia (BS)
Macondo Biblio cafè Via Moroni 16, Bergamo (BG)
Erba Brusca Alzaia Naviglio Pavese 286,  Milano (MI)
Openmilano Viale Monte Nero 6, Milano (MI)
Vino al vino Via Spontini 1 angolo Piazza Bacone, Milano (MI)
Vinodromo Via Salasco 21, Milano (MI)
Vinoir Ripa di Porta Ticinese 93b, Milano (MI)

MARCHE

Enoteca  Galli Via Pisacane 15,  Senigallia (AN)

PIEMONTE

Libreria Robin Via Seminari 8, Biella (BI)

TOSCANA

Ceccorivolta Piazza delle Vettovaglie 4, Pisa (PI)
L’Osteria del Ghiotto Via de Larderel 34,  Canneto (PI)
Er Botteghin Via Bassagrande 25, M. di Carrara (MS)
Libreria Todomodo Via dei Fossi 3, Firenze (FI)

VENETO

Libreria il Morto da Feltre Via Borgo Ruga 3, Feltre (BL)
Ariele Via San Giuseppe 38/P, Conegliano (TV)
Estro Dorsoduro 3778, Venezia (VE)
CoVino Calle del Pestrin, Castello 3829, Venezia
VinoVero Fondamenta Misericordia 5597, Venezia
Al Prosecco Sestiere Santa Croce 1502, Venezia (VE)
Libreria il Gelso Via Giovanni Zambelli 4, Verona (VR)
Vini e oli di artigiani Corso Fogazzaro 206, Vicenza (VI)

FRANCIA

Athenaeum de la vigne et du vin 5, Rue de l’Hôtel-Dieu, Beaune RAP épicerie 4 Rue Flechier,  Paris