26 Nov 2015

Mi occorre una tavola d’osteria

  Mi convente ‘ne taule d’ostarìe; tal scjafojas dal fun il sghinglinâ des tassis e vôj cul sidin des gravis di zenâr, e stâ lì, tal grivi di âgris soledâts, a messedâ la vite tal zouc des cjartis sense padin sigât, la vite ch’ ‘a nus cole tra i dêts, tal nuje de nestre vuarbetât, Diu e no Diu, sfese mare dal jessi, paure di stâ chi e parie di lâ-vie... Mi covente ‘na taule

18 Apr 2015

editoriale 20 – In hoste veritas

L’oste, com’è noto, è fratello etimologico dell’ospite, dei due sicuramente il più venale. Derivano entrambi dal latino hospĕs (acc. hospĭtem), che designava l’ospite nella doppia accezione di colui che ospita (il padrone di casa o l’albergatore a pagamento) e di colui che viene ospitato, dunque il forestiero, lo straniero, l’estraneo. Tale ambivalenza semantica (il termine tecnico è enantiosemia) si è conservata, come nell’italiano, in quasi tutte le lingue romanze (francese hôte, occitano e catalano oste,