Mi convente ‘ne taule d’ostarìe;

tal scjafojas dal fun

il sghinglinâ des tassis

e vôj cul sidin des gravis di zenâr,

e stâ lì, tal grivi di âgris soledâts,

a messedâ la vite tal zouc des cjartis

sense padin sigât,

la vite ch’ ‘a nus cole tra i dêts,

tal nuje de nestre vuarbetât,

Diu e no Diu, sfese mare dal jessi,

paure di stâ chi e parie di lâ-vie…

Mi covente ‘na taule d’ostarìe

par sintîmi tal pantan,

duncje par cjantâ…

Mi occorre una tavola d’osteria;

nella nebbia spessa del fumo

il tintinnio dei bicchieri

e occhi con il silenzio dei greti di gennaio,

e restare lì, nel greve d’acri solitudini,

a mescolare la vita nel giuoco delle carte

gridato senza riposo,

la vita che ci cola tra le dita,

nel nulla della nostra cecitudine,

Dio e non Dio, crepa amara dell’essere,

paura di stare qui e insieme d’andar via…

Mi occorre una tavola d’osteria

per sentirmi nel fango,

dunque per cantare…

Amedeo Giacomini, Viaggio in Friuli, tra i vini e gli uomini, Santi Quaranta 2004